• 0 Items - CHF 0.00
    • Nessun prodotto nel carrello.

CHF 24.00

Il valore del meno

Pagine : 216


Formato: 13.5×21 cm


Lingua: Italiano


ISBN: 978 88 7967 209 2


PDF: Flyer di presentazione

Share

Informazioni autore

Dopo tanti più, prevale oggi il meno. Dopo trent’anni di crescita e di benessere per tutti, che ai nostril occhi sembrano irripetibili, i protagonisti di quel miracolo economico sono ora relegati a ruolo di pura comparsa Se si pensa che la storia del lavoro è la storia della società stessa, non possiamo immaginare periodo peggiore, in cui il lavoro è diventato merce rara, non per scelta ma per imposizione. Tanto più che le decine di milioni che vivono al di sotto della soglia della povertà non sono tutti disoccupati, ma subiscono ancor più l’urto dell’onda “menista”. La frenesia del rendimento, i soprassalti del mercato globalizzato, le incessanti innovazioni tecnologiche, tutto fa sì che il diritto al lavoro, l’utopia del 1848, non è più un orizzonte plausibile e praticabile. Non solo l’impiego, ma pure sono in gioco le condizioni e le remunerazioni del lavoro, al centro di una nuova civilizzazione in continuo mutamento, il cui senso resta ancora da decifrare. L’autore, con tono leggero ed espressione accessibile, mette a frutto la sua lunga esperienza giornalistica, affinata negli anni con la produzione di trasmissioni televisive, in particolare della rubrica settimanale di economia e società microMACRO.