It
Ricerca
 
 Ricerca rapida Ordina

Pagina precedente - Mostra tutti i libri: vari - Altre pubblicazioni di questo autore - Novità

Categoria vari
Stampa
  Nel carrello
  Titolo   Linguaggio da capostazione
  Autore   Graziano Gianinazzi
  Prezzo   CHF  15.00
  ISBN   978-88-7967-401-0
     

 
Giovanni Orelli: Azione, Paralleli e Meridiani, 2007. (…) Intelligente, vivo, originale (…). A tirar su il morale è venuto, ora, improvviso e gradito, il lavoro di un pensionato delle ferrovie intorno alla figura del ferroviere. Il titolo del saggio, che precisa i limiti della ricerca, è “Linguaggio da capostazione. Cose vedute o sapute da un ferroviere a Chiasso”. Ne è autore Graziano Gianinazzi, pensionato delle FFS, Canobbio. Il suo lavoro, “dedicato alla memoria di mio padre ferroviere” è uscito nel Bollettino Storico della Svizzera Italiana (…). La ricerca di Graziano Gianinazzi comincia con il 1882, con la Gotthardbahn. Il passo dei primi ferrovieri, anche quelli di Chiasso, è un “passo tedesco””, da “urani”. E alcuni “urani” sopravvivono ancora a Chiasso. Tedesco certo linguaggio,legato al mestiere, e tedesco l’orologio da tasca, allora importantissimo. Si misurava il tempo, con precisione “alla Kant”, secondo il passaggio dei treni,puntualissimi. L’importanza della ferrovia (l’è la ferada che la vestiss: è le ferrovia che ti veste, ti nutre). E il Gianinazzi, pragmaticamente, aggiunge: “il giovane ferroviere è un buon partito per le ragazze del suo villaggio”.Per un appassionato delle cose di lingua, la parte più avvincente del lavoro sarà il glossario. Vedo: “Metig sü ul bunett da feruvia e ta vedaret ch’al bev”, ad indicare che al ferroviere non mancava mai la sete: detto che nella mia infanzia ho sentito in Leventina, detto dai paesani per un vitello malato che non beveva:mettetegli su un cappotto da ferroviere e berrà. “Già nel 1874 la Gotthardbahn vede la necessità di creare un servizio di traduzione a Lucerna. Per la lingua italiana viene nominato Rocco Togni di Grono”. Gli scambi tra tedesco italiano e dialetto sono reciproci e spesso curiosi. Certo che parole come il bewega-stossa sono così colorite che tradurle sarebbe stato un peccato. Così per la nozione di visita di piöcc… Ottavio Lurati provvede a far riportare il testo in Saggi Fondazione Internazionale di storia economica, Pisa, Serie IX, v. CX, 2007, 2

1